8 luglio 2019 - Una presentazione anonima senza autrice, è possibile? Lo scopriremo con "Voglio vivere spettinata" alla Feltrinelli di Genova

Una presentazione anonima senza autrice, è possibile?

Lo scopriremo con "Voglio vivere spettinata"

l'8 luglio alle ore 18 alla libreria laFeltrinelli di Genova

Voglio vivere spettinata Copertina web

 

Elena ha 18 anni, una bellezza enigmatica e affascinante come la sua città, Genova. La solitudine affettiva dei genitori e il bullismo di alcuni compagni di scuola segnano la sua adolescenza, alimentando in lei la voglia di abbracciare la vita con tenacia quotidiana nonostante, in certi momenti, sia più facile abbandonarsi all’alcool o alle droghe. Durante una vacanza al mare la vita spettina il rigore famigliare in cui vive: conosce Matteo e una passione che scardina le regole. La loro storia viene bruscamente interrotta. Per tutti i “saggi” che le stanno intorno, lei è una perdente, “ma cosa pensava di fare?”. La sua disperazione è come un uragano che trascina tutto. Dopo, bisogna scegliere cosa e come ricostruire.

Anni dopo l’adolescente è diventata una donna adulta. È diventata una brava moglie, una brava figlia, una brava nuora. Ma la sua tranquilla routine viene travolta dalla vita che la spettina nuovamente: arriva l’imprevisto, quello che non deve accadere. In un’altalena di passione e rigore, di dubbi e felicità, Elena si trova davanti ad una scelta, di fronte al suo bivio. Avrà il coraggio di dare davvero un calcio a tutto?

“Queste sono le storie che il pubblico di oggi ama e ricerca. Storie di riscatto, con un lieto fine che non scende dal cielo, alla “e vissero felici e contenti”, ma che si costruisce con scelte personali, coraggiose e indipendenti e, nello stesso tempo, storie comuni, in cui scatta facilmente il riconoscimento. Il lettore contemporaneo non ha più bisogno di evasione, come cento o duecento anni fa - ma di riflessione su se stesso. E romanzi come questo possono offrire uno specchio in cui riflettersi e indicare una possibile direzione verso cui muoversi”.

Alessandra Gennaro – blogger


Non ha importanza chi sia l’autore, perché è ognuno di noi, i nostri dubbi, le nostre fragilità e le nostre passioni. L’autore è l’adolescente fragile ma ricca o ricco di sogni, la moglie perfetta, l’amante appassionato. E poi… accade qualcosa per cui salta ogni certezza, non sei più figlia impeccabile, bravo marito, brava nuora. Era davvero quello il tuo progetto di vita? Perché non è stato solo l’amore “per lui”, ma soprattutto l’amore per me stessa: sono stata io il mio viaggio stupendo. L’autore è ognuno di noi, tu uomo o tu donna! Mentre ti chiedono di essere perfetto, è proprio il tuo essere imperfetto l’occasione di crescita che ti spettina la vita.

 

Il nostro sito usa i cookies per migliorare e ottimizzare la navigazione e consentire l'uso degli strumenti di acquisto. Non usiamo altri tipi di cookies. Per conoscere i cookies usati da questo sito, vi invitiamo a leggere la privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.