Blog Notizie

27 gennaio - "Bordighera giardino d'Europa" di Salvatore Vento alla Libreria S. Paolo di Genova

Logo San PaoloCircolo Aldo Moro e FFE

 

Lunedì 27 gennaio alle 17.30 presso la Libreria San Paolo di Piazza Matteotti 31-33/r a Genova

presentazione del video documentario e del volume 

Bordighera giardino d’Europa. Arte, cultura e paesaggio negli anni di Raul Zaccari (1945-1977)

di Salvatore Vento

Testimonianza di Bruno Orsini e interventi di Maria Pia Bozzo (Circolo Aldo Moro) e Marco Villa (MFE)

Bordighera giardino dEuropa Copertina WEB

Frutto di una lunga e appassionata ricerca storica questo libro per la prima volta descrive la vita socio culturale della Città delle palme nel periodo del suo sindaco più illustre. Anni davvero magici dove artisti e intellettuali di ogni genere frequentavano Bordighera attratti dal suo paesaggio e dalla sue radici storico ambientali che il Sindaco Zaccari riuscì a valorizzare grazie all’elaborazione di uno dei primi Piani Regolatori Generali del nostro paese. Da Giuseppe Balbo a Guido Seborga, da Carlo Betocchi a Irene Brin, da Giuseppe Piana a Francesco Biamonti e Edoardo Sanguineti, dai francesi Raymond Peynet e Jean Cocteau, sono solo alcuni nomi che ricorrono nel libro. Eventi quali il “Salone Internazionale dell’Umorismo” e le “Mostre dei pittori americani”, costituiscono esempi concreti della visibilità internazionale di Bordighera rafforzata dalla convinta visione europeista del senatore Raul Zaccari. La presentazione verrà supportata da un inedito video documentario.

 

 

 

 

 

Per leggere la notizia sul "Cittadino", clicca qui 

23 gennaio - A Genova Rivarolo Marina Savoia e Milvia Moretti presentano "Noi che guardavamo a sinistra e respiravamo aria di solidarietà" di Milvia Moretti

Il 23 Gennaio 2020 alle 16.30

nella Sala Tramontana della Biblioteca Cervetto di via Jori a Genova Rivarolo 

Marina Savoia presenta

Noi che guardavamo a sinistra e respiravamo aria di solidarietà 

Una pagina di vita tra Certosa e Sori
di Milvia Moretti, Erga edizioni

 

23 gennaio Moretti

 

Racconti tra Certosa e Sori: - Storia di Mi - Bambole in guerra - Mi sono innamorata di te - Cara Arianna

“…Sono nata nel 1949 a Genova nel quartiere operaio di Certosa, ricco di stimoli sociali e culturali…

“Oggi Milvia si racconta, per lasciare memoria alla nipote Arianna e alla generazione che verrà, non solo di ciò che ha vissuto, ma anche di quanto ha sognato e fantasticato. Passa insomma le sue storie come il corridore passa il testimone a chi viene dopo e ne prosegue la corsa.  Raccontare allunga la vita e crea continuità. Serve a coltivare la nostra umanità e a condividerla. Perché le storie, anche quelle inventate, parlano di noi e prendono nel tempo la voce di chi ha dato loro ascolto.”

Dalla prefazione di Marina Savoia


Milvia Moretti è nata a Genova nel 1949. Laureata in Lettere con una tesi su cinema e politica, è da sempre impegnata nelle attività di recupero e inserimento delle fasce deboli, ha lavorato per più di vent’anni come educatrice presso l’Istituto dei ciechi David Chiossone, poi nella Provincia di Genova. Negli ultimi dieci anni di attività ha lavorato nella segreteria dell’assessore Giuseppe Piero Fossati. Dal 1995 al 2005 è stata Vicesindaco e Assessore ai Servizi Sociali, Sanità, Politiche del lavoro, Pari opportunità, Solidarietà e Pace del Comune di Sori. In pensione dal 2011, ha continuato ad occuparsi di problematiche sociali. Il suo percorso politico è stato lento ma continuo, molto più istintivo e sociale che politico. Vissuto con il cuore, un percorso personale, pieno di dubbi, talvolta conflittuale, ma rigoroso. Da sempre ama scrivere poesie, poemetti e racconti per mantenere viva la memoria sui temi della Resistenza e della lotta alla criminalità organizzata. Dopo i due libri “Piccola Storia di Mi” e “La Casa Vicino al fiume”, ha pubblicato per Erga il “Diario segreto di una nonna”.

 

Milvia MorettiNoi che guardavamo a sinistra e respiravamo aria di solidarietà,

Erga edizioni, 10 euro, 112 pagine, ISBN 978-88-3298-099-8

23 gennaio a Novi Ligure Da Molare al Vajont - Storie di dighe" di Giorgio Temporelli

23 gennaio 2020, alle 18 presso la Galleria "Pagetto Arte" di via Girardengo a Novi Ligure

presentazione di 

"Da Molare al Vajont - Storie di dighe"

di Giorgio Temporelli

 

Da Molare al Vajont

Quando si parla di incidenti associati alle dighe, la memoria collettiva torna al Vajont, a quei tragici accadimenti che il 9 ottobre 1963 provocarono, in pochi minuti, la morte di circa 2000 persone nonché ingenti danni materiali.
Catastrofi similari, forse meno note, sono accadute in altri luoghi e in altri tempi, provocando l’allagamento dei territori a valle degli sbarramenti e perdite di vite umane. Limitandoci all’Italia e al territorio prossimo ai suoi confini, possiamo citare i disastri del Gleno (Bergamo, 1923), di Molare (Alessandria, 1935), di Fréjus (Costa Azzurra, 1959) e della Val di Stava (Trento, 1985). Il presente libro intende, per la prima volta, riunire tutti questi accadimenti. Il lavoro, frutto di indagini bibliografiche e di inchieste sul campo, presso le località oggetto della trattazione, contiene, oltre alla cronistoria degli eventi, note sull’impatto ambientale, sulla progettazione, la messa in opera e la corretta gestione delle diverse tipologie di diga. In appendice è presente uno spazio dedicato agli incontri con alcuni superstiti e sopravvissuti del Vajont: una testimonianza umana preziosa, che in qualche modo controbilancia gli approfondimenti tecnici presenti nel libro. 
L’intento dell’opera è fornire un’analisi oggettiva delle cause che hanno determinato i vari incidenti. Le dighe consentono alla comunità di disporre di un’importante riserva di acqua potabile e di energia, ma come tutti gli impianti tecnologici possono rappresentare un fattore di rischio. Da un esame approfondito degli argomenti trattati nel volume si evince che la natura non è stata la principale attrice. Gli eventi alluvionali che hanno accompagnato la maggior parte di questi episodi non bastano, da soli, a giustificare quanto accaduto.
Spesso l’acqua è solo apparentemente colpevole: le vere cause sono da ricercarsi nella superficialità, negli interessi, nell’incapacità o cattiva volontà da parte dell’uomo di interpretare i segnali della natura.
Ci auguriamo che la storia dei passati errori possa essere utilizzata come uno strumento di conoscenza per evitare di commetterne in futuro.

20 gennaio - Rimini Fiera SIgep 2020 - Storie del buon caffè - con Gianluca Gallo

Lunedì 20 gennaio dalle 14,00 alle 16,00 alla Fiera SIgep 2020 di Rimini Expo Centre

nello Stand numero D1 037 del CAFFÉ MORENO

STORIE DEL BUON CAFFÈ

Dal chicco alla tazzina

un evento rivolto non solo ai baristi e ai torrefattori, ma anche ai curiosi,

a cura di Gianluca Gallo

autore del libro “I segreti del Maestro Torrefattore” – Erga edizioni

In omaggio, ad esaurimento, il poster del Buon caffè

 I Segreti del Maestro Torrefattore Copertina WEB

Il caffè, la bevanda che connota l’Italia, quanto si conosce? Perché si dice “Questo è un buon caffè”? Scopriamolo alla Fiera SIgep 2020 con la degustazione e con i racconti del Maestro Torrefattore Gianluca Gallo, che introdurrà l’argomento, illustrando la sua storia personale, la grande passione per il caffè che lo ha animato fin dall’infanzia in Sicilia, la sua terra natale, e l’incontro che cambiò la sua vita, quando era solo dodicenne, con il Maestro Torrefattore. Conosceremo le più note varietà di caffè (Arabica e Robusta), comprenderemo cosa siano i chicchi crudi del caffè, le diverse tipologie, le caratteristiche utili per catalogarli e classificarli.

Finalmente sapremo che cosa è una macchina tostatrice, le sue funzioni, e che cosa è la tostatura, in tutte le sue dodici fasi. Ora siete pronti alla parte più artistica e creativa, quella della miscela, che richiede una grande conoscenza delle caratteristiche di ogni singola qualità di caffè, da cui bisogna partire per crearne una nuova. Il Maestro descriverà i principali passaggi per sperimentare più miscele diverse, generando un aroma davvero unico. E per finire si arriverà al metodo per preparare un espresso perfetto: tutti i passaggi e gli accorgimenti da seguire una bevanda che mantenga intatte proprio le caratteristiche che la rendono unica. Ma non basta: giunto il momento dell’assaggio, il Maestro illustrerà le proprietà organolettiche della bevanda e i criteri per stabilire se si tratti oppure no di un buon caffè, raccontando alcune sue esperienze di assaggio personalmente vissute.

E dopo aver imparato a selezionare e realizzare un buon caffè, non resta che gustarlo, tenendo sempre a mente questa frase di Giuseppe Verdi: “Il caffè è il balsamo del cuore e dello spirito.”

6 gennaio alle 16.30 al Teatro Govi di Genova "C'ERA UNA VOLTA LA BEFANA" di Fiorella Colombo

Genova: il 6 gennaio alle 16.30 al Teatro Rina e Gilberto Govi in via Pastorino 23R a Bolzaneto

 

C'ERA UNA VOLTA LA BEFANA

di Fiorella Colombo

con Fiorella Colombo, Alessandra Gajetta, Giuseppe Pellegrini

Ingresso 8 euro

 6 gennaio 2020 Cera una volta la Befana al Teatro Govi

La Befana vien di notte con le scarpe tutte rotte, porta qui tanti dolcini per i suoi cari bambini ed in cambio chiede loro di cercare un gran tesoro! Letture, teatro e giochi in cui i bambini saranno direttamente coinvolti nella magia del teatro, vivendo in prima persona il gioco del palcoscenico, portandosi a casa una piccola calzina colma di caramelle!

Là in mezzo al bosco vive una strana vecchina, un po’ strega e un po’ fata: la Befana. Abita in una casetta piccola e decrepita, che spazza dalla mattina alla sera. In una fredda sera di gennaio i tre Re Magi bussano alla sua porta e la coinvolgono in una grande avventura che la porterà a scoprire il tesoro più prezioso del mondo. Una storia magica e poetica, legata alla tradizione e al folclore, con un’originale interpretazione che porta ad una nuova prospettiva: quella di Artban, il quarto Re.

Il racconto è accompagnato dai canti originali, composti per l’occasione, che si alternano alla fiaba, per poter essere ascoltati e cantati durante la lettura della storia. Il CD comprende le basi musicali dei brani.

9 gennaio - Genova - Le foto di Fabio Accorrà, il blogger genovese che ama il Giappone in mostra al Museo Chiossone:

Dal 9 gennaio al 16 febbraio 2020

"I colori del Giappone"
Mostra Fotografica di Fabio Accorrà
al MUSEO D’ARTE ORIENTALE
‘EDOARDO CHIOSSONE’ di GENOVA

La mostra I colori del Giappone è un diario di viaggio, scritto con i colori: dal bianco del Monte Fuji, al giallo del foliage di Nikko, fino al blu intenso del lago di Hakone, passando per l’oro del tempio Kinkakuji di Kyoto e l’arancio dei torii dei santuari shintoisti. Fotografie delle più note mete di viaggio e di mete più insolite, tutte dal forte fascino cromatico. Il carattere distintivo della fotografia di viaggio di Fabio Accorrà è infatti l’attenzione al colore, nei paesaggi come nei soggetti.


“Quanti colori ci sono nel mondo? La risposta migliore è “infiniti”! Misurazioni accurate delle migliori prestazioni del nostro sistema visivo sono state fatte da psicofisici e hanno dimostrato che possiamo vedere circa 1000 livelli di luce-buio, 100 livelli di rosso-verde e 100 livelli di giallo-blu per una singola condizione di osservazione in un laboratorio. Ciò significa che il numero totale di colori che possiamo vedere è di circa 1000 x 100 x 100 = 10.000.000 (10 milioni)”. Ma a me ne bastano 12 per illustrare il Giapponeha dichiarato Fabio Accorrà.


Le fotografie esposte presso il Museo Chiossone sono tratte dal suo libro “The Colors of Japan” (Erga edizioni, 2019), che verranno presentate in questa occasione con una nuova selezione. Le opere saranno accompagnate dai commenti di viaggio dell’autore e da approfondimenti sul significato dei colori nella cultura giapponese, elementi che guideranno i visitatori in un percorso ideale alla scoperta della bellezza del Giappone.

Il Museo Chiossone custodisce la più rilevante collezione d’arte giapponese in Italia e una delle più importanti in Europa, formata da Edoardo Chiossone (1833-1898) durante il suo lungo soggiorno in Giappone, e donata poi alla città di Genova. L’edificio museale, di rilevante valore architettonico, è stato appositamente progettato da Mario Labò e si trova nel parco comunale di Villetta Di Negro, in posizione panoramica sulla città. Oltre alle attività d’esposizione della collezione, il Museo ospita mostre di divulgazione della cultura e dell’arte giapponese contemporanea.


 


Fabio Accorrà - 34 anni, genovese, “project manager di giorno e blogger di notte”. Da sempre appassionato di viaggi, già da piccolo si avvicina al mondo fotografico sviluppando i primi rullini e utilizzando le prime Polaroid. Col tempo e i tanti viaggi in giro per il mondo arricchisce il proprio repertorio fotografico. Collabora con la testata giornalistica HeraldItalia.it scrivendo nella sezione viaggi. Il suo blog www.viaggiaresenzaconfini.it diario di viaggio personale, ricco di racconti e fotografie, che negli anni si è sviluppato e allargato per ospitare esperienze e contributi di altri viaggiatori è molto seguito anche sui social Facebook, Instagram e Twitter. Autore de “La magia dello Sri Lanka” edito da Delos Digital e di “The Colors of Japan”, pubblicato da Erga Edizioni: da questo libro fotografico sono tratte le opere della mostra, realizzate durante il suo tour del Giappone del 2018 e presentate per la prima volta nella apprezzata esposizione fotografica del 2019, presso il Consolato Generale del Giappone a Milano, organizzata dall’Associazione Giapponese del Nord Italia “Nihon Jinkai”.
 

 

 

Fabio Accorrà - "The colors of Japan" - 96 pagine - 11,90 euro - Erga edizioni 
Distribuzione nazionale CDA Bologna

 

 

5 gennaio alle 17 al Teatro Garage di Genova "C'ERA UNA VOLTA LA BEFANA" di Fiorella Colombo

Genova: il 5 gennaio alle 17.00 al Teatro Garage Sala Diana di via Paggi

C'ERA UNA VOLTA LA BEFANA

di Fiorella Colombo

con Fiorella Colombo, Alessandra Gajetta, Giuseppe Pellegrini

Ingresso 7 euro

5 gennaio 2010 Cera una volta la Befana al Teatro Garage

La Befana vien di notte con le scarpe tutte rotte, porta qui tanti dolcini per i suoi cari bambini ed in cambio chiede loro di cercare un gran tesoro! Letture, teatro e giochi in cui i bambini saranno direttamente coinvolti nella magia del teatro, vivendo in prima persona il gioco del palcoscenico, portandosi a casa una piccola calzina colma di caramelle!

Là in mezzo al bosco vive una strana vecchina, un po’ strega e un po’ fata: la Befana. Abita in una casetta piccola e decrepita, che spazza dalla mattina alla sera. In una fredda sera di gennaio i tre Re Magi bussano alla sua porta e la coinvolgono in una grande avventura che la porterà a scoprire il tesoro più prezioso del mondo. Una storia magica e poetica, legata alla tradizione e al folclore, con un’originale interpretazione che porta ad una nuova prospettiva: quella di Artban, il quarto Re.

Il racconto è accompagnato dai canti originali, composti per l’occasione, che si alternano alla fiaba, per poter essere ascoltati e cantati durante la lettura della storia. Il CD comprende le basi musicali dei brani.

2 gennaio - "RAPALLO La storia nei secoli" di Alessandra Rotta a Rapallo

il 2 gennaio 2020 alle 18.30 nella Taverna del Gallo Nero di Rapallo (in via Magenta 10) 

l’autrice Alessandra Rotta, con Marina Cavana e Daniele Calcagno

a colloquio con Enrica Melossi presentano il volume

 

RAPALLO

La storia nei secoli

History through centuries

 

2 gennaio 2020 Rapallo La storia nei secoli alla Taverna Gallo Nero di Rapallo

 

Accanto all’autrice, studiosi di alto livello approfondiscono singole tematiche e specifici monumenti, in quanto documenti vivi di quella complessa realtà che oggi chiamiamo, semplicemente, Rapallo. Fotografie di grande sensibilità e qualità artistica, quasi tutte scattate dagli appartenenti al Gruppo fotografico Dietro a un vetro, arricchiscono tutto il racconto. Tradotto integralmente in inglese, per offrire anche ai turisti un accurato profilo storico della città.

Questo libro vuole essere un omaggio a Rapallo, per condividere e promuovere le bellezze, la storia e le tradizioni del suo territorio. L’essenza e la specificità del lavoro sono sintetizzati nell’introduzione, di Colette Bozzo Dufour: Rapallo, dalla cronaca al tempo storico. Una storia di terra e di mare.

Di Rapallo, si è scelto di trattare alcuni aspetti della sua storia globale, studiando quanto compete al territorio in senso lato e, ancor più, al paesaggio. Per far ciò l’autrice utilizza la dialettica fra terra e mare, in linea con la lettura del Paesaggio come storia, e individua il senso stesso del paesaggio, in quel razionale disegno dello spazio fra rete stradale, distribuzione e sfruttamento del suolo, emergenze del costruito, realtà monumentali e artistiche. Affiancata, in questa ampia osservazione, da studiosi di alto livello che approfondiscono singole tematiche e specifici monumenti, in quanto documenti vivi di quella complessa realtà che oggi chiamiamo, semplicemente, Rapallo.


This book is a homage to Rapallo, fruit of a desire to share and promote its treasures, history and local traditions. The essence and details of the work are summarized in the introduction by Colette Bozzo Dufour: “Rapallo: from today’s news to past times. A history of land and sea”.
The chosen focus is on certain aspects of the overall history of Rapallo, examining the parts that have impacted the area in a broad sense, and more specifically, the landscape. The author explores the dialectic between land and sea, in line with the idea of landscape as history, and identifies the meaning of the landscape itself, in the logical relationship between urban layout, land use, the emergence of construction, monuments and artistic works. She is helped, in this broad work of observation, by experts who examine individual themes and specific monuments and features, living testimony of the complex phenomenon that we now call, simply, Rapallo.

 


Alessandra Rotta è architetto. Nata a Milano il 30 agosto 1961, vive dal 1978 a Rapallo. Si è sempre dedicata alla ricerca storica. Ha svolto numerose progettazioni nel settore del recupero e della riqualificazione dei beni culturali e ambientali e ha maturato numerose esperienze legate alla pianificazione in ambiti sensibili e sottoposti a tutela. Grazie a questa doppia anima di ricercatrice e progettista, ha sviluppato una specifica conoscenza nel settore delle tradizioni locali e sul legame tra territorio e alimentazione locale da lei declinato sui temi della sostenibilità ambientale, anche in relazione alle potenzialità sia ambientali che turistiche per una nuova green economy.

Alessandra Rotta is an architect. Born in Milan on 30 August 1961, she has lived in Rapallo since 1978. With a long history of dedication to historical research, she has carried out numerous projects to restore and regenerate cultural and environmental assets and has considerable experience of planning in sensitive and protected areas. Thanks to her double role as researcher and planner, she has developed
specific knowledge of local traditions and the links between the territory and the local economy. She has a particular focus on issues of environmental sustainability, also in relation to the potential of a new green economy to help both the environment and tourism.

Tra le sue pubblicazioni:/Her publications include: Expo2015 Fuoriporta – Due golfi e un promontorio, 2015 Catalogo mostra; Cartine storico-didattiche Rapallo e del Golfo del Tigullio (2013); I mulini dell’Acquaviva sul Monte di Portofino (Sagep 1988) Suoi contributi in:/She contributed to the following publications: Santa Margherita Ligure (Sagep, 2017); Villa Durazzo in Santa Margherita Ligure (Schirà ed.); L’onda di Marconi nel Tigullio (1995); Medioevo a Rapallo (1995); Tutela e recupero del patrimonio architettonico, paesistico-ambientale Ligure, (Erga 1994).

15 Dicembre - Fiorella Colombo con Santa Claus 2.0 al Teatro Garage di Genova

Domenica 15 Dicembre 2019 alle 15:30 e alle 17:00 la Compagnia Liberitutti presenta uno spettacolo interattivo di Natale per tutta la famiglia!!!!

SANTA CLAUS 2.0

di Fiorella Colombo, FabrizioMarchesano, Hilary Nuvoli

con Fiorella Colombo, Alessandro Gajetta, Fabrizio Marchesano e Giuseppe Pellegrini

15 dicembre Santa Claus al Teatro Garage

Sala Diana, Via Paggi, 43/b, 16143 Genova 
ingresso € 6 - info e prenotazioni: 010 511447 www.happyticket.it

14 dicembre - Genova - Marino Muratore con QUANTA GENTE!!! e "La Signora Stordita" alla Locanda delle Favole in vico del Ferro

Sabato 14 dicembre a Genova

nella Locanda delle favole di vico del Ferro 5 (da via Garibaldi)

 

QUANTA GENTE!!!

 

MARINO MURATORE legge di mondi, persone, bambini e bambine 

Seguirà laboratorio grafico

14 dicembre Marino Muratori alla Locanda delle Favole WEB

 

Marino Muratore è autore per Erga edizioni de La Signora Stordita – La Señora Desastre, un messaggio di integrazione per i bambini ecuadoriani, genovesi e peruviani. Una fiaba divertente per bambini da 6 a 10 anni che racconta l’Ecuador, l’Italia e il Perù.

La Signora Stordita Copertina ok

Il nostro sito usa i cookies per migliorare e ottimizzare la navigazione e consentire l'uso degli strumenti di acquisto. Non usiamo altri tipi di cookies. Per conoscere i cookies usati da questo sito, vi invitiamo a leggere la privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.